L’UDITO: COME PRENDERSENE CURA

Una persona che sente poco, spesso tende a isolarsi spontaneamente dal gruppo familiare o dalla cerchia di amici e diminuisce nel tempo i momenti di socialità come andare al cinema o al bar.
In Italia le persone con diminuzione dell’udito sono circa sei milioni di questi circa settecentomila con età inferiore ai 13 anni. Secondo alcune stime internazionali, nel mondo, 350 milioni di individui hanno problemi
uditivi. questo dato corrisponde al 7% circa della popolazione della Terra.
Le soluzioni per porre fine alle difficoltà uditive sono ormai molteplici. Dopo un’accurata diagnosi medica, nei casi in cui non si può intervenire chirurgicamente o con farmaci, il trattamento di successo è l’applicazio-
PRINCIPALI CAUSE DELLA PERDITA UDITIVA ETÀ Partendo già dai 30/40 anni per arrivare fino agli 80, più della metà delle persone soffre di ipoacusia significativa.
RUMORE è la prima causa di invalidità professionale, infatti l’esposizione continuata a rumori forti accelera l’insorgere di un deficit uditivo.
EREDITÀ è probabile che l’ipoacusia venga trasmessa anche alla prole, infatti il deficit uditivo è legato al gene “connexina 26”.
INFEZIONI Batteri e virus possono danneggiare l’orecchio
FARMACI, FUMO ALCOOL sono fattori che possono determinare
una perdita dell’udito.
OTOSCLEROSI La calcificazione della staffa, uno dei tre ossicini dell’orecchio, porta a scarsa mobilità della catena intera.
Le difficoltà di comunicazione determinate da una diminuzione della
capacità uditiva, possono essere viste come un evento assai complesso che
può essere causa di difficoltà nella vita di tutti i giorni tali da portare a
una alterazione della qualità della vita della persona.
ne di apparecchi acustici personalizzati che permettono di ripristinare la capacità uditiva anche nei casi di sordità gravi.
Si tratta di apparecchi elettronici che ricevono e amplificano i suoni ambientali e li ripropongono con volume aumentato all’orecchio del soggetto ipoacusico.
Attualmente l’apparecchio acustico non è più considerabile
un semplice amplificatore di suoni, ma grazie alla tecnologia, è stato notevolmente perfezionato ed è divenuto un vero e proprio piccolissimo computer, che offre alla persona che sente poco un’amplificazione
chiara, controllata e confortevole.
Gli apparecchi acustici digitali di ultima generazione, sono di dimensioni notevolmente ridotte e danno la possibilità di recuperare, nella maggior parte dei casi, in modo completo, una capacità che il soggetto in passato ha posseduto e che si è deteriorata a causa di processi di diversa natura. il soggetto che non sente, tolto dal silenzio che lo ha introdotto all’isolamento, riacquista sicurezza e ritrova la forza e il desiderio di comunicare e di sentirsi parte integrante della società.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Giornale-qui-bussolengo-04_02-web-11.png

Autore dell'articolo: axl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *