Granfondo del Durello In mountain bike nel paesaggio Unesco

Granfondo del Durello: il paesaggio che fa da corollario alla candidatura Unesco di «Flore e faune del Cenozoico» ritorna a fare da palcoscenico ai 44 chilometri più suggestivi della mountain bike, puntando dritto alla Pesciara di Bolca. A San Giovanni Ilarione, per festeggiare i suoi primi 15 anni di vita, la Granfondo del Durello, che è una tappa storica del «Lessinia tour» – terza prova del Bike world Zerowind – va in scena su un percorso tutto nuovo e, com’è tradizione, aperto anche ai cicloturisti ed appassionati che, però, partecipano alla «Pedalata ecologica» – e con un calendario 3+1.

Tre sono i giorni che gli organizzatori dell’Asd Basalti, in collaborazione col Consorzio del Durello e le associazioni del paese, si sono presi per scandire il conto alla rovescia in attesa che le ruote grasse tornino protagoniste domenica 30 aprile. La festa, sempre più allargata al paese, alle sue eccellenze e alle sue associazioni, inizia infatti oggi: in collaborazione con la Pro loco, dalle 21 la tensostruttura in piazza Martiri ospita «Straik!», musica con Steven Smith-voice Miki G. Domani sera, invece, torna il graditissimo appuntamento con «Durello night party»: dalle 20, sempre alla tensostruttura, ci sarà la cena a base di stinco di maiale o galletto allo spiedo. Quota di partecipazione, 12 euro: biglietti in prevendita contattando i consiglieri dell’Asd Basalti. Dopo cena, ancora musica con dj Simon See e dj Onemee.

Domenica è il gran giorno, quello del debutto per l’anello di 44 chilometri (e 1500 metri di dislivello) tutti nuovi, disegnati tra quattro valli strizzando l’occhio a tre catene montuose. I bikers (800 quelli che presero il via all’edizione del 2016) scatteranno sui pedali alle 9.30 da via IV Novembre e partiranno alla scoperta di Val d’Alpone (con ascesa fino alla Pesciara di Bolca), Val Tanara, Val d’Illasi e Val Tramigna rinfrancando lo spirito al cospetto delle Piccole Dolomiti, del Gruppo del Carega e della Catena delle Tre croci. Il nuovo itinerario – Gran premio della montagna al venticinquesimo chilometro a quota 875 metri sul livello del mare – fa tesoro di una delle tappe storiche e più amate del Lessinia tour e in qualche modo attraversa il cuore delle zone di produzione delle eccellenze che andranno a comporre il ricco pacco gara per gli atleti. Nello zaino personalizzato «Granfondo del Durello» ci saranno le bollicine del Lessini Durello di Cantina di Soave, la pasta fresca Pinton, succhi di frutta Hawaiki e altri prodotti alimentari locali. In tavola, quella del pasta party finale, pure il delizioso tiramisù di ricotta secondo la ricetta (e la ricotta) della Ricotteria Elda.

Le premiazioni (da sei anni i trofei per il primo assoluto maschile e femminile sono firmati Avis) saranno invece l’occasione, dalle 13.30, al teatro parrocchiale, per apprezzare la vetrina delle eccellenze enologiche che sfileranno grazie a Cantina di Soave, Sacramundi, Corte Moschina, Dama del Rovere, I Muni, Maltraversi, Cavaggioni, Marti, Fongaro, Casa Cecchin.

Tre più uno si diceva, ed il poker l’Asd Basalti lo calerà domenica 7 maggio: in via 11 settembre tornerà infatti la «Durellina cup baby» che, come dice il nome, è riservata ai piccoli che vogliano godersi una mattina di gioco e (quasi) competizione in sella alla loro mountain bike. Il ritrovo sarà tra le 8 e le 9 e la partenza della prima categoria avverrà alle 10. Informazioni chiamando il numero 340.3544702. P.D.C.

 

FONTE: www.larena.it

Autore dell'articolo: axl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *